Discover PlayDecide. Download games, prepare, play. GET STARTED

L'acqua (per le scuole secondarie di primo grado)

Choose your language

PlayDecide games may be available in multiple languages

Play the game

Download, prepare, discuss & collect results.

SIGN INRegister

Tutti hanno diritto a parlare
Esprimi la tua opinione, senza offendere gli altri
Non alzare la voce
Non parlate tutti assieme: lasciali finire prima di intervenire
Se ti senti confuso, se non capisci tutto, non ti preoccupare!

Author / translator Luigi Civalleri

Tutti hanno diritto a parlare
Esprimi la tua opinione, senza offendere gli altri
Non alzare la voce
Non parlate tutti assieme: lasciali finire prima di intervenire
Se ti senti confuso, se non capisci tutto, non ti preoccupare!
Chiedi pure aiuto a insegnanti e facilitatori

Created 22 October 2020
Last edited 22 October 2020
Topics Climate, Energy, Environment

Policy positions

Policy position 1

1. L’acqua a nostra disposizione non finirà mai, possiamo usare tutta quella che vogliamo.

Policy position 2

2. L’acqua deve essere gratis per tutti.

Policy position 3

3. L’acqua minerale è più buona dell’acqua del rubinetto.

Policy position 4

4. Non berrei mai dell’acqua ricavata dall’acqua del mare.

Policy position 5

5. La scuola deve insegnare i modi migliori per non sprecare l’acqua.

Story cards

INFO CARDSISSUE CARDS

1

L'acqua è fonte di vita, ma anche di distruzione. Pensiamo alle alluvioni, agli uragani, alla grandine che distrugge i raccolti. Negli ultimi anni sembra ci siano state molte più catastrofi legate all’acqua, e c’è chi pensa che sia anche colpa dell’uomo: con le nostre attività abbiamo fatto riscaldare il pianeta, e questo fa aumentare la forza di certi fenomeni naturali, come i temporali.

2

Cosa possiamo fare per sprecare meno acqua? Dipende solo da noi? Lo sapevi che ci sono acquedotti che perdono più della metà dell’acqua che ci passa attraverso, perché sono vecchi o mal costruiti?

3

Senza acqua non possiamo vivere. Molti pensano che sia una risorsa infinita, cioè che non finirà mai e che potremo continuare a prelevarla fin che ci pare: dopo tutto, l’acqua che usiamo non sparisce ma finisce in mare e da lì ricomincia il ciclo. Ma è davvero così?

4

Prima di oggi, ti eri mai chiesto da dove venisse l’acqua del rubinetti e che fine facesse dopo essere sparita nello scarico? Secondo te chi ha costruito tutti quegli acquedotti e quei tubi?

5

Fiumi, laghi, mari, ghiacciai fanno parte del paesaggio. Lo rendono più bello, più vario. Secondo te, l’acqua è “bella”, oltre che importante?

6

Oggi quasi un miliardo e mezzo di persone nel mondo vive in posti dove l’acqua scarseggia, e c’è chi pensa che la situazione peggiorerà nei prossimi anni. Cosa potrebbe succedere allora?

7

L’acqua minerale in bottiglia non è più sana di quella del rubinetto, eppure ha un grande successo. È solo questione di gusti? È una moda? Quali altri problemi sono legati alla circolazione di così tante bottiglie?

8

Là dove l’acqua potabile è scarsa, si cercano metodi alternativi per procurarsela. Uno di questi è ricavarla dal mare, togliendo il sale con dei macchinari costosi. Addirittura si sta sperimentando di riutilizzare l’acqua degli scarichi. Tu saresti in grado di adattarti? Berresti quest’acqua “riciclata”?

9

Depurare l’acqua è obbligatorio, eppure fiumi, laghi e mari in Italia continuano a essere inquinati. Secondo te perché? E secondo te oggi sono più o meno inquinati che nel passato?

10

L'acqua che esce dal rubinetto non è gratis: i tuoi genitori la devono pagare. Perché? L’acqua non è forse come l’aria, libera per tutti? Forse centrano qualcosa tutti quei tubi? È giusto che qualcuno ci guadagni?

1

L’acqua è la sostanza più preziosa al mondo. Senza acqua non c’è vita! Sul nostro pianeta c’è tantissima acqua salata, nei mari e negli oceani, mentre l’acqua dolce è solo il 2,5 per cento del totale (cioè su 100 litri di acqua totali, 97,5 sono salati e 2,5 dolci). Inoltre, la grande maggioranza dell’acqua dolce non è liquida, ma si trova nei ghiacciai, soprattutto in Antartide.

2

Se vogliamo bere o lavarci, ci basta aprire il rubinetto ed ecco che esce l’acqua. Ma per tanti altri non è così: più di 700 milioni di persone al mondo non hanno a disposizione l’acqua potabile e sono costrette in certi casi a fare lunghi viaggi per procurarsela.

3

L’acqua serve non solo per bere e lavarsi, ma è indispensabile per l’agricoltura e per l’industria. Le coltivazioni e gli allevamenti ne usano tantissima: pensate che si prendono il 70 per cento di tutta l’acqua dolce utilizzata dall’uomo nel mondo

4

L’acqua si trasforma di continuo e segue un suo ciclo. Il sole scalda l’acqua dei mari e dei laghi e la fa evaporare, cioè la trasforma in vapore. Il vapore sale e in certe condizioni forma le nuvole. Dalle nuvole scendono la pioggia e la neve che alimentano i ghiacciai, i fiumi, i laghi e i mari. I fiumi si gettano nei mari, e il ciclo ricomincia. In questo modo si spostano ogni anno circa 110 milioni di tonnellate d’acqua.

5

L’acqua arriva ai nostri rubinetti grazie a un complicato sistema di acquedotti, vasche e tubi. A volte è prelevata da sorgenti sotterranee, a volte da fiumi e laghi. Prima di essere immessa nei tubi di casa, viene filtrata, depurata e controllata in vari impianti. Sono opere davvero importanti: in una città come Milano, ad esempio, i tubi necessari per portare l’acqua a tutti sono lunghi circa 1500 chilometri.

6

Dove va l’acqua dopo che è sparita negli scarichi? Nelle fogne, naturalmente. Ma non è così semplice: a seconda del tipo di acqua, sono previsti varie tubature. Ci sono le acque nere (quelle degli scarichi industriali e dei water, ad esempio), le acque bionde (docce, bidet, vasche e lavandini dei bagni), quelle grigie (cucine), quelle bianche (ad esempio la pioggia che cade nei tombini). Altro che un semplice tubo!

7

Una volta arrivata nelle fogne, l’acqua non può venire buttata in mare o nei fiumi così com’è, ma deve essere depurata, cioè resa meno “sporca” e non pericolosa per la salute. È un processo complicato che può avvenire in vari modi, ed è obbligatorio per legge: le città e le regioni che non lo svolgono bene possono essere multate!

8

Quanta acqua ci serve per lavarci e per altro? Tanta! Ogni italiano ne consuma 241 litri al giorno. Siamo al primo posto in Europa ( in Germania sono sui 180-190 litri). Per fare la doccia, ad esempio, servono in media 25 litri; per una lavatrice 40-50, e così via. Ma in agricoltura e industria i consumi sono molto più elevati: per far maturare una sola mandorla servono oltre 3 litri di acqua, e una maglietta di cotone ne richiede più di 1000.

9

L’acqua che esce dal rubinetto di casa è sempre potabile, cioè si può bere senza problemi. Moltissimi però preferiscono comprare acqua minerale in bottiglia. L’Italia è addirittura prima in Europa per consumo di acqua in bottiglia: 206 litri a testa l’anno, 29 litri più dei tedeschi, 84 più dei francesi e 85 più degli spagnoli. Si tratta di un fenomeno di massa: nove italiani su dieci bevono oggi acqua minerale.

10

Contenere gli sprechi è possibile, anche nei piccoli gesti. Lasciare il rubinetto aperto costa in media 5 litri di acqua al minuto. Quindi, se ci laviamo i denti per due volte al giorno e per due minuti a volta, e se teniamo il rubinetto aperto, consumiamo ben 20 litri d’acqua. Chiudere il rubinetto mentre ci spazzoliamo i denti porta già a un bel risparmio.

Register to download vote results of this PlayDecide game.Register